Un viaggio Le Mat nell’Italia Centrale…Pasqua e Pasquetta con gli imprenditori sociali in Umbria e negli Abruzzi

Il nostro viaggio è partito da Cannara in Umbria, Venerdì 6 Aprile, Antonio ci ha accolti sulla soglia dell’Ostello La Tana libera tutti. E venerdì sera dopo una ottima cena al ristorante In Bocca al Lupo la processione in una Cannara illuminata soltanto dai lumini fuori dalle antiche case…tanta gente in strada…grande suggestione. Forse il video racconto di Teresa riesce a rendere l’idea….

Il giorno dopo siamo partiti alla scoperta dei tanti paese della bellissima Umbria, lentamente, fermandoci ad ogni angolo per capire, assaggiare l’olio, il formaggio, per godere delle vedute sulle fertili valli e le colline: Collemancio di Cannara, Spello, Montefalco, Bevagna. Nel fratempo altri ospiti erano arrivati a Cannara e ci si preparava alla Pasqua…abbiamo cenato insieme a tutti gli altri, chiacchierato con Antonio, Federico e gli altri soci del loro imprendere, del paese, delle fatiche e delle soddisfazioni, una buona dormita e il giorno dopo, Pasqua, dopo una ricca colazione in partenza per l’Aquila.

Il viaggio ci porta attraverso le Colline dell’Umbria a Terni, le Cascate delle Marmore, poi Rieti, Antrodoco…paesaggi stupendi, neanche una macchina, da lontano si vedono le montagne.

A Preturo (L’Aquila) giusto alla fine della SS17 l’ Osteria 99 gestita dalla cooperativa sociale La Garganta che coltiva anche lo zafferano. L’Osteria originariamente fuori porta oggi – dopo il terremoto – si trova nel bel mezzo delle “nuove case”. Una visita ci chiarisce meglio quello che tante volte abbiamo visto in televisione. I nostri ospiti  - viaggiatori tedeschi in camper – sono curiosissimi, vogliono sapere tutto e i soci de La Garganta sanno raccontare e promettono una visita all’Aquila per il dopopranzo. Il pranzo è un vero pranzo pasquale, c’è tutto, non manca niente, rigorosamente tutto fatto in casa, preparato con grande amore, ogni dettaglio trasmette gusto e piacere. Alle 16.30 riusciamo ad alzarci, compriamo alcuni vasetti di zafferano puro e andiamo a fare un giro per l’Aquila…tanti pensieri, tanti racconti…il lavoro de La Garganta, degli imprenditori sociali, della gente assume un valore ancora più grande… vedendo i danni, le lentezze, le difficoltà. I due viaggiatori fanno domande e noi cerchiamo di rispondere parlando delle piccole grandi opere delle persone, ogni giorni, dell’assunzione di rischio e di responsabilità…tutte cose di cui le televisioni non parlano, mai!

 

Poi scendiamo verso Teramo dove ci aspettano Rita e Tania e la nonna. Tania fa l’avvocato e lo sappiamo, aiuta a tante piccole grandi persone in difficoltà. Tania è cresciuta a Modena ma poi è venuta a vivere a Teramo. Dice che qui le piace di più il modo in cui le persone prendono la vita e poi il paesaggio…. Ci accoglie nella sua piccola casa nel borgo di Giulianova e poi ci porta in giro in questa stupenda Provincia.

Dovunque lo sguardo abbraccia il mare e la montagna, quella montagna vera che è il Gran Sasso! Il borgo di Giulianova ci appare un luogo da vivere, piccole case, semplici, una comunità di Rom che ci vive da tanto tempo, botteghe, silenzi, area biuona….alle spalle la montagna e davanti il mare. Anche Tania racconta, dei tanti progetti in questa Italia in crisi, della voglia di vivere e di imprendere, in modo collettivo, con professionalità e nella lotta contro l’esclusione, le discriminazioni…a noi sempre una grande amica, una donna stupenda,  una vera imprenditrice Le Mat.

Tania ci porta in giro…scendiamo a piedi dal Borgo di Giulianova e facciamo una lunga camminata sul bellissimo molo del porto di Giulianova…il prazo ce lo cucina lei con il pesto fatto in casa e poi scopriamo Colonella e facciamo una puntata a San Benedetto nelle marche. Il molo è una Galleria d’Arte naturale….bellissima! Il paesaggi ci avvolge…viene proprio voglia di vivere qui!

Martedì mattina si parte, abbiamo un appuntamento con Luca che ci porterà a Sant’Eufemia a Maiella dove da tanti anni cerca insieme alla cooperativa sociale Jonathan di recuperare una vecchia Casa Cantoniera, abbandonata e non più utilizzata, di proprietà della Provincia di Pescara. Da Giulianova ci dirigiamo verso Pescara e poi Chieti e poi si sale verso quest’alta montagna – la Maiella – maestosa e piena di neve. Luca e Alessandro ci accolgono nel loro transporter e con grande facilità poco dopo il paese troviamo l’edificio che attende l’ultimazione della ristrutturazione. Si, perchè qui la cooperativa Jonathan vuole accogliere i viaggiatori Le Mat…ci lavorano da tanti anni, Luca, Antonella, Alessandro….

Il luogo è stupendo e loro lo conoscono in ogni dettaglio. Si aggiunge Antonello e per discutere del futuro, del lavoro da fare per finire, di come trovare i clienti, pagare gli arredi e l’avviamento si prepara un pranzo. Antonello improvvisa un piatto di pasta gustosissimo, il formaggio è meraviglioso, il solo ci accarezza, i cinghiali salutano scappando….una giornata di primavera tra gli alberi in fiore e la neve. Qui si possono fare passeggiate davvero grandiose, stare bene, godere di una ospitalità grandiosa…

Il nostro viaggio si è concluso ritornando all’Aquila, passando per Popoli, Navelli….una Valle stupenda tra il Gran Sasso e il Velino. I nostri ospiti viaggiatori erano davvero contenti e impressionati di aver scoperto un pezzo d’Italia che secondo loro pochissimi tedeschi conoscono davvero, forse hanno visto qualcosa ma certamente non hanno conosciuto gli imprenditori sociali Le Mat. Un altra Italia….grazie a Antonio, Federica, Marianna, Maddalena, Tania, Rita, Ida, Chiara, Luca, Antonella, Antonello, Alessandro….e grazie a Edith e Alberto della loro grande curiosità! E…se volete godervi tutte le foto del viaggio cliccate qui 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


9 + 3 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>