Luoghi delle Donne: hanno scelto di fare rete

Sono tanti i Luoghi e le Case delle donne in Italia, centri  di incontro, di attività politiche, sociali, culturali, sedi di archivi e Biblioteche al femminile, di servizi rivolti alle donne ma anche spazi dove stare insieme, spesso dotati di confort, servizi di ristorazione e intrattenimento. Storie e territori diversi, ma non era mai successo che si incontravano, che  parlavano della loro esperienza,dei problemi, delle prospettive . E’ avvenuto a Roma il 1 dicembre scorso, presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma: Centri e donne  di Torino, Milano,Trieste,Bologna, Modena, Ravenna, Pisa,Viareggio, Cagliari, Napoli, Lecce.Altre esperienze non hanno potuto esserci ma avrebbero voluto. A lavorare per arrivare a questo sono  alcune donne  della Casa Internazionale delle donne di Roma, tra cui io  e la risposta è stata splendida. Una giornata intensa di  racconti, riflessioni, sulle tante cose fatte ma anche  sulle difficoltà incontrate e le criticità. Al centro per tutte  il problema della fatica di  fare vivere questi luoghi in autonomia politica e economica , di mettere insieme progettualità e risorse adeguate. Ognuna aveva da raccontare delle diverse forme di gestione scelte e dei rapporti, negoziali e politici  con gli enti locali. Alcune più capaci di trovare risorse da progetti locali e internazionali ,altre  più concentrate sulle attività rivolte alle donne del territorio .Tutte oggi alle prese con i tagli della finanza locale, con la difficoltà di vedersi riconosciute appieno come luoghi che producono  partecipazione, benessere,servizi alle donne e al territorio. Tutte con grande voglia di proseguire nel lavoro di collegamento. Si è formato così alla fine della giornata un coordinamento che consentirà di lavorare insieme, per dare più spessore e continuità alla conoscenza reciproca, per costruire più visibilità di questo tipo di esperienze importanti delle donne in Italia.Ma di Case e  luoghi delle donne  ce ne sono tanti anche in altri paesi europei e non solo. Forse è importante come Le  Mat a livello italiano e europeo aprirsi e conoscere meglio queste  realtà  e magari pensare di costruire qualche percorso che si intrecci con i luoghi Le Mat. Io sarò felice di fare da ponte.

Costanza Fanelli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 + 4 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>