Roma in una giornata speciale

Il mio viaggio ieri era a Roma, da romana, ma non solo. Una giornata speciale. Un popolo vario sciamante e libero, non organizzato da nessuno. Una città a passo di persone,liberata in tanti posti da macchine, pulman e mezzi, una città grigia di nuvole, anche dell’acqua di un Tevere limaccioso di piogge ma colorata di tanti simboli, bandiere, sopratutto facce. Ogni tanto Roma diventa sul serio città aperta e di tutti. Ognuno è lì per motivazioni diverse, da luoghi diversi e con mezzi diversi. Ognuno ha scelto di esserci e di incontrare e vedere “altri”. Non c’era solo il primo Angelus del primo papa Francesco, un Angelus diverso dal solito, con meno riti e meno parole. E’ il nuovo stile del papa e il popolo di Roma lo sta ancora elaborando.Ma c’era anche la grande maratona romana, un flusso di gente che ha attraversato per ore Roma in lungo e largo . Tutto il giorno, bello. E c’erano tifosi irlandesi venute per la partita di rugby del giorno prima. Ho scelto solo di fare alcune foto, dal basso, da pedone, cittadina, osservatrice,comunque in mezzo alla gente. Un regalo a chi non c’era. Certo la mancanza di un luogo Le Mat a Roma comincia a sentirsi…
Costanza Fanelli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


2 + = 9

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>