Visita alla casa-famiglia nel parco S.Margherita

Testo: Rita Tili

Foto storiche da Archivio della Provincia di Perugia, Centro Multimediale di Informazione e Ricerca, collezione dell’ex Manicomio Provinciale di S. Margherita, non inventariato.

E’ una bella giornata di sole ed entriamo nel parco passando davanti alla casina rossa, un tempo sede del custode e porta d’ingresso dell’ospedale psichiatrico o manicomio come comunemente veniva chiamato a Perugia.

Ho percorso per tanti anni questa strada, ho avuto la fortuna di lavorare nel parco presso il Centro Infanzia “Il Tiglio”, una scuola per bambini da tre mesi a sei anni che nella sua scelta educativa portava la memoria del superamento delle istituzioni totali: scuola aperta al suo interno e all’esterno, uscite nel parco e nella città a piedi e con il “pulmino”, vacanze in campeggio e al mare a Cesenatico, tutti insieme, operatori, bambini, genitori, nonni, un’esperienza 0-90 anni, feste al “Il Tiglio” con tanti bambini e adulti.

Questi sono i ricordi che affiorano mentre andiamo giù fino alla casa famiglia per una strada scoscesa, attraversando questo bel  parco adorno di grandi alberi, passando davanti ai padiglioni dove ora studiano giovani provenienti oltre che dal territorio circostante anche da tutte le parti del mondo.

A ridosso degli orti coltivati dai pensionati, piccoli appezzamenti di terra messi a disposizione gratuitamente dall’amministrazione provinciale, sorge una casa colonica, un tempo fattoria dello psichiatrico. Gli ospiti della casa famiglia ci accolgono cordialmente offrendoci una gustosa merenda all’aria aperta, sotto il pergolato, tra il verde e i fiori. Si respira un’atmosfera serena anche se si ha l’impressione che il tempo sia sospeso, fermo, scandito da un ritmo sempre uguale rotto da qualche piccola sorpresa come il nostro arrivo o, come spiega un’operatrice, dagli studenti che scendono per la ginnastica, dagli ortolani e d’estate dalle varie iniziative che si svolgono nell’anfiteatro.

Si riprende la strada in salita prima dell’uscita delle scuole che romperà il silenzio e la purezza dell’aria del parco, per ritornare con il fiatone alla sede del Post nel Borgo S.Antonio.

One Response to “Visita alla casa-famiglia nel parco S.Margherita”

  1. Passepartout said:

    apr 16, 15 at 15:33

    Anche questa storia è frutto della sperimentazione del progetto Ahead a Perugia, con il gruppo di pilotaggio che si incontra al museo POST. Il testo è di Rita Tili, il collage fotografico di Sabine Kuhn…collaborazioni!


Leave a Reply


View Le-Mat's profile on slideshare
  • RSS
  • Newsletter
  • Facebook
  • Picasa
  • Flickr
  • YouTube