“Macchia de Colle” crocevia di storie e di avventure

Si narra che il bosco di Collestrada e i suoi abitanti abbiano visto camminare per i suoi sentieri briganti, santi e imperatori ed oggi anche noi alla ricerca  di indizi e testimonianze che ci faranno sentire per un po’ parte della storia stessa.                          Ho creduto opportuno di lasciare il compito difficile di raccontare le gesta di questi personaggi ai miei compagni di avventura certamente più bravi e precisi di me.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         Vorrei invece soffermarmi  a descrivere l’emozione che  ho provato nel percorrere quei sentieri storici calpestando foglie secche e fango circondata da alberi spogli e arbusti che facevano da cornice al paesaggio.             Scopro con stupore di sentirmi libera, libera dai problemi quotidiani che la vita ci regala con generosità.                                 Ci siamo fermati in un punto aperto dove si scopre un panorama bellissimo fuori da ogni inquinamento, il cielo azzurro, il sole che ci riscalda, la lieve brezza mattutina, e in lontananza il Monte Subasio si mostra a noi ancora innevato.                 La nostra camminata prosegue, mentre a tratti ci fermiamo per ascoltare la storia del bosco e dei suoi personaggi raccontata dalla nostra professoressa Sonia con passione e semplicità, sentendo le imprese di Braccio Fortebraccio, di San Francesco, dei contadini alle prese con i briganti del posto, di guerre, della ritirata dei tedeschi, di uno sbirro sfortunato, dei cunicoli che proteggevano gli abitanti del posto, vivo tutto questo come in  un film di cui mi sento protagonista.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   All’improvviso il volo libero  di un falco cattura la nostra attenzione, mentre una timida farfalla volteggia intorno a noi.    Proseguiamo il nostro cammino per raggiungere il punto di partenza, cerco di immaginare il bosco in primavera con i suoi colori, con il canto degli uccelli e perché no anche delle cicale, dei vari insetti che popoleranno il paesaggio.                 Questa passeggiata di oltre due chilometri finisce qui, torno a casa serena pronta ad affrontare un’altra avventura.         Ombretta  Ortica

Bosco di Collestrada crocevia di storia e avventure

Per la prima volta in vita mia sono entrato nella macchia di Collestrada.

Non potete immaginare quanto piacere ho provato nel sentire il rumore delle foglie di quercia che calpestavamo, il profumo della piante e di aver arricchito la storia di Collestrada che conoscevo solo in parte.

 

 

Ho visto tante specie floristiche: dalla quercia, al cerro, al leccio, il ginepro, il biancospino … e nel sottobosco l ‘asparagina, il pungitopo ecc.

 

 

All’interno troviamo tanti sentieri”lo stradone”,”la strada del metano”,”le bighe delle bombe”ecc.

Collestrada ha una lunga  storia che va’ dagli Etruschi fino all’ultima guerra mondiale in quanto punto strategico e importante arteria di collegamento.

Nel terzo e quarto secolo D.C. fu’ ritrovata un’urna funeraria Etrusca raffigurante la morte di Tullio ai piedi del campanile e due urne di terracotta di epoca romana.

Purtroppo non rimane nessuna traccia del tempietto dove veniva conservato il corpo di Asclepiodoro, grazie al barbaro imperatore Ottone Primo che insieme ai suoi servi venne ha fare una battuta di caccia,portando sia il corpo che il tempietto.

Collestrada ha visto tante battaglie fra Perugia ed Assisi che la contendevano per la sua strategica posizione,in una di queste battaglie fu fatto prigioniero Francesco divenuto poi Santo e di conseguenza Assisi dovette sottomettersi al comando di Perugia.

Nell’ultima guerra mondiale i tedeschi vi nascosero delle armi e munizioni che poi fecero saltare all’arrivo imminente  degli Inglesi.

Qui si trovano vari cunicoli che servivano ai residenti del villaggio per nascondersi dal nemico.

Anticamente era anche famosa per il suo Lazzaretto che ospitava dei lebbrosi e molti paesani si rifugiavano per non cadere in mano al nemico.

Alla fine della grande guerra venne fondata una colonia che ospitava orfani di guerra ed io personalmente ne ho conosciuti due, perché tutte le domenica da Collestrada venivano a Ponte San Giovanni accompagnati dai loro  istruttori al cinema Fiammetta.

Concluso il tour anche se un pochino stanco ero contento di aver passato una bella mattinata piena di sensazioni e di aver appreso nuove storie.

 

Vittorio Cambiotti