La Festa della Politica a Bagnacavallo

Sono pochi i momenti durante l’anno in cui il convento si anima, in cui cioè tra chiostro, sale e salette c’è un continuo viavai di persone in una profusione di suoni, voci e colori, che quando fanno massa critica cominciano inevitabilmente a trasmettere una positiva energia all’ambiente circostante: la Festa della Politica è diventato uno di questi momenti.
Pur non avendo assistito a tutti gli avvenimenti, da voci e frammenti di racconti mi sono fatta un’idea dell’atmosfera, afosa ma stimolante che si era creata nei primi giorni, ho poi partecipato, come osservatrice un po’superficiale per il dovere della “cronaca”, a quelli degli ultimi. Non posso raccontarli, ma posso provare a descriverli come dei quadretti immortalati da fotografie.

In sala Oriani erano concentrati alcuni dei dibattiti e interviste condotte soprattutto da giornalisti ai giornalisti più conosciuti perché bravi e ideologicamente schierati, come Luca Telese, Debora Serrachiani e Claudio Sardo, il direttore dell’Unità. A loro forse era stato riservato un trattamento involontariamente un po’ punitivo: Il clima umido-tropicale della sala offriva il colpo d’occhio di giornali agitati a mo’ di ventagli, di facce lucide e, in alcuni casi un po’ rosse, ma se la passione intellettuale è forte, si supera anche questo …

 

Più fortunati quelli che sono stati accolti sul palco del Chiostro, principalmente politici e musicisti, come Veltroni e Fini coordinati da Paolo Mieli, con l’eccezione di Carlo Lucarelli la prima sera: l’arietta freschina del dopo-tramonto stimolava la conversazione e in questo caso lo zoom della macchina fotografica si poteva soffermare sulle sedie attorno al palco, disordinatamente occupate, su quelle attorno ai tavolini disposti nell’erba, e sui loro occupanti: io stessa mi sono offerta di leggere una delle fiabe contenute nel libro “Ci sarà una volta. Favole e mamme in ambulatorio” incoraggiata dall’autore stesso Claudio Satta, che poco prima si era esibito sul palco come cantante, durante la informale presentazione del libro nel Chiostro.
L’aria freschina della sera oltre a stimolare i neuroni stimolava anche … la fame: io mi sono accontentata di una piadina che si poteva prendere nel baretto sotto i portici, ma pare che anche il ristorante allestito nell’ala ancora “grezza” del convento potesse soddisfare il palato senza deprimere le tasche.

Sopra tutti si è però distinto Sergio Staino, presente come autore e come ospite in molti degli eventi della Festa: una sorta di benevolo padre putativo che oltretutto ne ha disegnato la vignetta di presentazione, oltreché padre reale di Michele e nonno di Sofia, venuti con lui a Bagnacavallo.

STAINO E LA FESTA DELLA POLITICA ALL’OSTELLO DI BAGNACAVALLO

Io accolgo gli ospiti al Hostel di Bagnacavallo, un luogo di cui qui abbiamo raccontato più volte….

Colgo l’occasione della presenza di Sergio Staino presso di noi  il 25 e 26 di maggio per l’inaugurazione di una sua personale per raccontarvi il clima frizzante di questo periodo.  Sergio Staino, signore alto, con un’aureola  di capelli bianchi e il bastone da passeggio, ha dormito e fatto colazione da noi per poter essere vicino alla sede della mostra, sempre all’interno del convento.

Ciò che lo accomuna al suo alter-ego Bobo non è sicuramente l’aspetto fisico, ma l’intelligenza, l’ironia e la visione salace del mondo. Quando mi sono avvicinata a lui, seduto al tavolo della colazione ho verificato due cose: porta il bastone perché è quasi completamente strabico ed è una persona gentilissima. Nonostante il problema agli occhi mi ha autografato con tanto di facciona di Bobo nell’ordine: un libro per un ragazzo suo ammiratore, 4 poster  grandi come ricordo per l’Ostello e il mio libro Stainoterapia dell’amore  che mi sono procurata appositamente.

Ciò che lo accomuna invece a Bobo è sicuramente la moglie, quasi identica alla Bibi cartacea, un’affabile signora sudamericana, premurosa e attenta alle esigenze del suo compagno.

Il clima frizzante cui accennavo si collega a Staino e alla Festa della Politica, che anche quest’anno si terrà presso di noi: lo stesso Staino ne ha parlato il giorno dell’inaugurazione della sua mostra, e vi parteciperà come ospite l’ultima sera. Quest’anno si terrà dal 14 al 17 giugno presso il Convento, con alcuni appuntamenti sicuramente interessanti come un dibattito con Carlo Lucarelli sulla “Mafia invisibile” e un ricordo di Leo Longanesi a tre voci, Paolo Mieli, Walter Veltroni e Gianfranco Fini. Non poteva mancare e infatti non mancherà il dibattito sulla “politica nell’era di twitter”. Ovviamente il tutto condito da musica e cibo. Chicca finale: un anticipo della Festa la sera del 9 giugno che ricorderà la famosa lettura dantesca che Carmelo Bene fece il 31 luglio del 1981 dalla Torre degli Asinelli di Bologna. Dopo 31 anni Dante torna su una torre: Ivano Marescotti dalla Torre Civica leggerà alcuni brani tratti dalla Divina Commedia in dialetto romagnolo. Io che ho già assistito alle sue letture dialettali della Commedia, posso garantire che in quella salsa Dante diventa davvero “dolente” e insieme sanguigno, come gli uomini della nostra terra. Il piatto è ricco … e mi ci ficco …Venite a trovarci…vi aspettiamo

A BAGNACAVALLO (RAVENNA), all’OSTELLO BAGNACAVALLO, nel CONVENTO di SAN FRANCESCO, un luogo speciale..che vuole diventare un LE MAT

Non ci credevo ma si può fare, con il treno, arrivare dal Cadore a Bagnacavallo…

Sono stata accolta alla piccola Stazione di Bagnacavallo da Melissa. In due minuti eravamo davanti all’Ostello di Bagnacavallo (ci si va anche a piedi in poco tempo) e io ero con la bocca spalancata. Avevo visto le foto e letto il racconto di Sonia qui su VIAGGIATORI SOCIALI ma questo complesso supera davvero anche la mia fantasia: SPAZI, SPAZI, SPAZI…tutti da riempire, di persone, progetti, colori….

E infatti c’è la cooperativa sociale Il Mulino, del Consorzio FARE COMUNITA’ che ha deciso di fare di questo luogo un posto speciale, un vero posto LE MAT.

Il giorno 9 giugno abbiamo lavorato, discusso, progettato e intraprenderemo un percorso di affiliazione LE MAT…

ma vi consiglio sin da subito un viaggio a BAGNACAVALLO – davvero facilmente raggiungibile…ed è un bel luogo…con la bici al mare non ci vuole niente….e tanti eventi…la vera ROMAGNA, insomma!

Da oggi qui si svolge LA FESTA DELLA POLITICA (leggete qui http://bologna.repubblica.it/cronaca/2011/06/16/news/i_parlamentari_a_bagnacavallo_per_la_festa_della_politica-17777889/  e qui http://www.festabagnacavallo.it….ci trovate la pianta del CONVENTO di SAN FRANCESCO/ ). Chi sa se si narra un po’ anche della cooperazione sociale, dell’impresa sociale, del fare comunità, empowerment, inclusione?


Ma poco importa, i cooperatori sociali ci sono ad accogliere gli ospiti… e il giorno 18 alle 21.30 sulla bella Piazza di Bagnacavallo un concerto del nostro amico SIMONE CRISTICCHI https://www.facebook.com/event.php?eid=197650346947473

Solo un piccolo appunto, da subito. Il sito è bello ma un po’ …come dire pretensioso…è invece è proprio un luogo PER TUTTI!

Guardate le foto e il sito www.ostellobagnacavallo.com

A presto